La raccolta delle pannocchie

La raccolta delle pannocchie durava diversi giorni, si toglievano ad una ad una dall’alto fusto e si riempivano così grandi cesti di vimini che venivano poi scaricati in un carro.

Il granoturco era poi trasportato nelle capienti aie e, un poco per volta, raccolto in grandi stanze dove veniva scartocciato e trasformato in bellissime trecce.

Questo momento era il più bello: ci si immergeva in una sensazione unica; tutti, anche gente estranea alla famiglia contadina, contribuivano alla raccolta.

La scena era pittoresca: donne, uomini, bambini, si trovavano d’un tratto sommersi da montagne di bucce e pannocchie color dell’oro.

La luce tenue di una lampada armonizzava il lavoro e tra racconti e canti intonati d’improvviso ci si perdeva tutti in una calda ed indimenticabile atmosfera. (tratto da “Il mio Friuli – Lucio Comar”)

La raccolta delle pannocchie

La raccolta delle pannocchie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...